Rischi con l’allungamento e ingrandimento del pene

L’allungamento del pene è un intervento molto discusso dovuto dal fatto che si sottomette un organo funzionale a dei rischi. I metodi sono stati raffinati nel corso del tempo e i rischi di complicazioni si sono abbassati notevolmente ma comunque ancora esistenti.

I rischi con la falloplastica possono essere divisi in quelli generali e quelli specifici. Questa pagina tratta quelli specifici che sono collegati con l’allungamento del pene o ingrandimento del pene.

Sulla pagina dedicata ai rischi generale potete leggere quali sono i rischi esistenti con tutti i tipi di interventi di chirurgia plastica ».

Insoddisfazione – il rischio più grande con l’allungamento del pene

La probabilità che il rischio più grande è che il paziente rimane insoddisfatto con il risultato della falloplastica (allungare e/o ingrandire il pene) è alta. In uno studio americano si vedeva che su 58 pazienti indagati il 68% dichiarava che il risultato era inferiore alle loro aspettative.

Sostegno indebolito e abbassamento di sensibilità dopo l’allungamento del pene

Un effetto indesiderato che la maggior parte dei pazienti devono aspettarsi è che dopo un’allungamento del pene, una conseguenza che i legamenti di sostegno sono stati spostati, è che il pene punterà verso il basso all’erezione. Può succedere anche che la stabilità peggiora per lo stesso motivo.

Rischio di abbassamento di sensibilità e capacità di erezione esiste anche.

Rischi con l’ingrandimento del pene

All’ingrandimento del pene c’è il rischio che l’adipe trapiantato viene riassorbito dal corpo e che l’ingrossamento sparisce. Inoltre questo potrebbe succedere in modo irregolare che comporterebbe pene non conforme.

Con il trapianto di cute si rischia di essere scoperti quando il partner vede le cicatrici durante “un’ispezione intima”.

« Dopo la falloplastica | I costi dell’allungamento e ingrandimento del pene »

Nuovo nel forum!
  • No posts.
Nuovo dall'esperto
  • No posts.