Rischi associati con la riduzione del seno

Anche se la riduzione del seno (mastoplastica riduttiva) è un intervento di chirurgia plastica molto complesso è considerato un’intervento di basso rischio se eseguito da un chirurgo plastico qualificato. In ogni modo, quando si sottomette ad una mastoplastica riduttiva, come tutti gli interventi chirurgici, c’è sempre un rischio per delle complicazioni.

Oltre al rischio generale che è presente a tutti gli interventi chirurgici, descrizione dettagliata troverete sulla pagina di rischi generali alla chirurgia plastica » ci sono rischi specifici associati con la riduzione del seno. Qui sotto troverete info più dettagliate.

Cattiva cicatrizzazione


Ci sono delle paziente che soffrono di cattiva cicatrizzazione della piaga intorno al capezzolo e lungo la cicatrice, questo va medicato in modo tradizionale. Per diminuire il rischio per infezioni è importante seguire le indicazioni dati dal chirurgo plastico.

La cicatrizzazione alla riduzione del seno

La mastoplastica riduttiva lascia dei cicatrici molto visibili. Questi vanno verticalmente lungo il seno dalla zona dell’areola verso la piega inferiore al seno.

La paziente deve essere cosciente del fatto che una mastoplastica riduttiva in un certo senso cambierà un seno grande a delle cicatrici. La grandezza e estensione varia da paziente a paziente. Non spariranno mai però col tempo tendono ad essere meno visibili. Tutte le cicatrici sono diversi ma tenete conto che la cicatrizzazione è un processo lungo e che ci vuole tempo, calcolate che dopo 12-18 mesi si può vedere un risultato finale.

Per minimizzare le cicatrici è consigliabile di mettere della medicazione adesiva per i primi sei mesi, o finche sono rosse. La medicazione va tolta quando inizia a cadere – circa una volta a settimana. Si può fare la doccia con la medicazione adesiva ma per farlo rimanere ancora attaccata conviene asciugarla con un phon. L’adesivo aiuta a appiattire e tenere insieme i due lati della cicatrice. È da evitare di prendere il sole o farsi la doccia solare per almeno sei mesi dopo l’intervento.

Piú informazioni sulle cicatrici e come fare per diminuirle dopo una riduzione del seno sulla … pagina informativa sulle cicatrici ».

Tutto su riduzione del seno (mastoplastica riduttiva)

Asimmetrie ed allattamento

L’intervento può portare delle asimmetrie delle mammelle in misura, posizione e il posizionamento del capezzolo. Problemi o impossibilità nell’allattamento a causa della rimozione di gran parte della ghiandola mammaria è un’effetto indesiderato della riduzione del seno. Questo succede a ca 50% delle paziente di riduzione del seno.

Cambiamenti della sensibilità e lessioni sui tessuti

Alcune pazienti notano una riduzione della sensibilità nei capezzoli o nel tutto il seno. In casi estremi si chiude il flusso sanguigno che comporterà alle lessioni dei tessuti (necrosi). Se necessario si può ricostruire l’areola ed il capezzolo, questo richiede un trattamento ricostruttivo.

« Il periodo dopo la riduzione del seno | Prezzi e costi di una riduzione del seno »

Nuovo nel forum!
  • No posts.
Nuovo dall'esperto
  • No posts.