Tutto su riduzione del seno (mastoplastica riduttiva)

Una riduzione del seno (mastoplastica riduttiva) è un’intervento di chirurgia estetica per ridurre il volume ed il peso delle mammelle troppo grandi. Normalmente è considerato come un’intervento medico in quanto un seno sproporzionato potrebbe causare delle difficoltà nella vita quotidiana però indubbiamente porta anche un miglioramento nell’aspetto estetico.

Questa pagina ha lo scopo di informare qui sta valutando una riduzione del seno le possibilità e le limite associato con questo tipo di intervento. I contenuti della mastoplastica riduttiva sono ordinati in una serie di articoli per dare una buona base di conoscenza nella materia per facilitare la decisione.

Le informazioni della riduzione del seno sono state verificate dal Dott. Peter Zahrisson, specialista in chirurgia plastica ad Art Clinic. I contenuti serve solamente come guida generale e non deve assolutamente sostituire la consulenza medica.

Qui troverete tutto quello che c’è da sapere sulla riduzione del seno:

  • Informazioni su chi è un candidato idoneo per una riduzione del seno e quali sono i risultati da aspettarsi
  • Spiegazione dettagliata del procedimento dell’intervento e come comportarsi dopo l’intervento
  • Immagini prima e dopo una mastoplastica riduttiva e la possibilità di chiedere i nostri esperti
  • Descrizione sui rischi e quali sono i costi per una riduzione del seno
  • Forum di discussione ed un’elenco di cliniche che eseguono interventi di riduzione del seno
  • Informazione sulle possibilità di avere la mastoplastica riduttiva convenzionato da SSN
Tutto su riduzione del seno (mastoplastica riduttiva)

Una riduzione del seno può migliorare la salute e l’apparenza

Alcune donne darebbero tutto per un seno più grande, altre invece desiderano il contrario in quanto un seno sproporzionato può causare sia scarsa autostima che disagi fisici.

Un seno grande pesa e può infatti provocare mal di schiena, irritazioni cutanee, macerazione della cute nel solco mammario, deformazione dell’ossatura del corpo e problemi respiratori. Possono risultare fastidiosi anche le spalline del reggiseno che lasciano segni sulle spalle.

Un seno molto grande potrebbe anche condizionare l’autostima in modo negativo, specialmente fra ragazze adolescenti ma anche nell’età adulta.

Un seno più estetico

Durante una riduzione del seno si riduce il volume eliminando del tessuto adiposo e ghiandolare ottenendo in questo modo un seno più piccolo, leggero, tono e tante volte anche esteticamente più bello. Quando si esegue una riduzione del seno si diminuisce anche l’areola che poi viene spostato insieme con seno e capezzolo.

Inoltre si possono correggere delle asimmetrie del seno mentre si svolge una mastoplastica riduttiva. Nell’insieme lo scopo della riduzione del seno è di dare alla paziente un seno più minuto e esteticamente più bello, proporzionato al proprio corpo.

Convenzione da SSN per una mastoplastica riduttiva

Visto la natura dell’intervento si svolge la riduzione del seno sia in cliniche private che in ospedali pubblici. Questo vuol dire che se una persone dimostra che la misura del senso provoca dei disagi fisici e psichici può avere l’intervento della riduzione del seno convenzionato dalla SSN.

Per avere il diritto di questa convenzione dalla SSN si pretende che la paziente soddisfa certi criteri. Per esempio che il seno provoca fastidio nella vita quotidiana. Inoltre deve il candidato dimostrare una buona forma fisica e di non portare sovrappeso.

Chi è il candidato idoneo per una riduzione del seno?

Il candidato perfetto è una donna di peso normale, in buona salute sia fisica che psicologica con delle aspettative realistiche dell’esito dell’intervento.

La mastoplastica riduttiva si esegue sopratutto per dare un sollievo fisico non per motivi estetici, anche se quest’ultimo é un “effetto indesiderato” dell’intervento. La maggior parte delle donne che si sottomettono ad una riduzione del seno ha dei problemi funzionali che le limita nella vita di tutti i giorni.

Lo sviluppo dell’eccesso di tessuto ghiandolare nella mammella inizia normalmente nella pubertà, in casi rari anche in collegamento con una gravidanza. Solitamente non si effettua una mastoplastica riduttiva finché lo sviluppo del seno è stato terminato, solo in casi eccezionali si può considerare un’intervento prima se si dimostra di causare un disagio fisico elevato.

Il candidato più idoneo all’intervento di una riduzione del seno è chi ha capito il significato del l’intervento e ha delle aspettative realistiche dell’esito dell’intervento.

PROSSIMO: Il procedimento di una mastoplastica riduttiva »

Nuovo nel forum!
  • No posts.
Nuovo dall'esperto
  • No posts.