Il tempo dopo l’otoplastica

L’otoplastica come intervento è relativamente semplice e il periodo dopo anche. Sia pazienti adulti che bambini sono in piedi già dopo qualche ora dall’intervento.

Dolore e fastidio

Dal termine dall’anestesia e per qualche ora a seguire sentirete un dolore intenso nelle orecchie. Questo dolore è parzialmente provocato dal bendaggio che le ha dato pressione. Il dolore è perfettamente controllabile con degli antidolorifici e diminuisce gradualmente i prossimi 3-4 giorni. Un dolore sordo può rimanere fino a una settimana dopo l’intervento.

Prima di sottomettere bambini a questo intervento bisogna farli capire come sarà il periodo successivo. Questo per preparali bene per tutte le fasi dell’otoplastica.

Bendaggio e punti

“Il bendaggio a turbante” viene tolto dopo 4-7 giorni e vanno cambiati con una fascia che va messa giorno e notte per due o tre settimane con lo scopo di stabilizzare il cambiamento della forma e proteggere l’orecchio di piegarsi in avanti.

La fascia può essere tolta solo temporaneamente per lavaggio capelli e viso. Se sono stati messi punti auto-assorbenti si tolgono da soli. In caso contrario vanno rimosso dopo 1-2 settimane.

Lesioni

Le orecchie possono avere un colorito bluastro dovuto ai lividi ed essere dolenti per un mese dall’otoplastica.

Restrizioni e ritorno alle attività normali

Tutte le attività che comportano un rischio di piegamento in avanti dell’orecchio devono essere evitati per almeno un mese. Gli adulti possono tornare al posto di lavoro un paio di giorni dopo la chirurgia delle orecchie a sventola.

Bambini possono tornare a scuola dopo una settimana ma devono astenersi da giochi molto fisici per il primo mese. Sarebbe il caso se l’insegnante può prestare più attenzione al vostro bambino in questo periodo.

« Il procedimento della chirurgia estetica delle orecchie | Rischi e complicanze dell’otoplastica »

Nuovo nel forum!
  • No posts.
Nuovo dall'esperto
  • No posts.