Procedimento dell’addominoplastica

Il metodo dell’addominoplastica può essere diviso in tre parti, cosa succede prima, durante e dopo l’intervento di chirurgia estetica dell’addome. Su questa pagina parliamo cosa succede durante le prime due fasi dell’addominoplastica.

Consultazione prima dell’addominoplastica

La prima cosa da fare quando avete deciso di andare avanti con l’addominoplastica è di prendere un’appuntamento con un chirurgo plastico di fiducia.

Alla consultazione iniziale il chirurgo vi visiterà per verificare lo stato della vostra salute, l’estensione dell’accumulo dei grassi alla zona addominale e valutare la condizione della cute.

Informate il vostro chirurgo se fumate, prendete dei farmaci e/o integratori ecc.

È molto importante che siate onesti e spiegate bene al chirurgo le vostre aspettative dell’intervento e richiedete la stessa onestà da parte sua, così che vi spiega anche quali sono i rischi e i limiti della chirurgia estetica dell’addome.

Preparativi dell’addominoplastica

Prima dell’addominoplastica riceverete istruzioni ben precise come prepararvi. Per esempio come mangiare, bere, regole per il fumo, l’assunzione delle vitamine, farmaci, integratori ecc.

Se siete fumatori, preparatevi che per 2-4 settimane prima e dopo la chirurgia estetica dell’addome dovreste astenervi.
Evitate di prendere sole e/o iniziare una dieta rigida siccome dono fattori possono influenzare in modo negativo sulla guarigione del fisico.

Insomma, è di grande importanza che il corpo sia in uno stato ottimale al momento dell’intervento, specialmente quando si parla di un’intervento complesso come l’addominoplastica.

Se sviluppate un’infezione o un raffreddore prima della chirurgia estetica dell’addome è molto probabile che l’intervento verrà posticipato per quando siete di nuovo in un buona saluta.

Dovreste anche organizzare che qualcuno vi accompagna a casa dopo l’intervento e rimane con voi per qualche giorno a seguire.

Tutto sulla addominoplastica (chirurgia dell’addome)

Procedimento dell’intervento della chirurgia estetica dell’addome

La prima cosa che succede quando arriverete in clinica il giorno dell’intervento, dopo essere assegnata la stanza ed indossato il camicie operatorio, è di incontrare il chirurgo plastico che vi farà delle foto pre-operatorie e vi disegna la mappa operatoria sul corpo.

Dopo la visita assumerete dei farmaci per prepararvi all’intervento e vi riposate un momento. Dopo di che venite portate in sala operatoria dalle infermieri.

Anestesia e sedazione

In sala operatoria venite messi sotto anestesia e/o sedazione. Un’addominoplastica tradizionale si esegue sotto anestesia generale. Un’addominoplastica mini normalmente si porta avanti sotto anestesia totale ma può essere eseguito anche con la sedazione locale insieme con tranquillanti.

L’intervento dura da 1,5 a 3 ore da inizio alla fine.

Liposuzione e incisioni

L’intervento inizia solitamente con la liposuzione della zona. Dopo di che viene messa una lunga incisione che inizia dall’anca, giù verso l’inguine, attraversando l’osso pubico fino all’inguine dall’altra parte per finire all’anca opposta.

Ad un’addominoplastica mini solitamente si mette un’incisione più corta sull’addome, però qui ci sono vari metodi che vanno chiariti con il chirurgo plastico prima dell’intervento.

La parete addominale viene ristretta

Quando il chirurgo ha messo l’incisione procede con lo scollamento completo della cute addominale fino alle costole per scoprire la muscolatura verticale dell’addome.

I muscoli vengono ristretti e riposizionati. Tramite questo intervento si ottiene una parete addominale più tono e una vita più stretta.

Ad un’addominoplastica mini la pelle viene scollata solo fino all’ombelico.

L’ombelico spostato e eccesso cutaneo eliminato

La cute scollata viene stesa in basso e l’eccesso eliminato. Ad un’addominoplastica completa si crea un nuovo buco per l’ombelico che poi viene suturato al nuovo posto. Il grasso sottocutaneo viene formato come l’ombelico per entrarci bene e la parte bassa della pelle viene tagliata a misura.

Per ultimo viene suturato e bendato, qualche volta viene messo un tubo di drenaggio per eliminare eventuali ritenzioni di liquidi e sangue nella zone dell’intervento. Poi venite spostati nella vostra stanza per un risveglio sorvegliato.

Ad un’addominoplastica mini viene scollato solo la pelle dal punto dell’incisione fino all’ombelico. La parte bassa della muscolatura viene stretta. La cute viene stesa e tirata verso il basso, l’eccesso eliminato e il taglio suturato.

« I vari metodi dell’addominoplastica | Il tempo dopo l’addominoplastica »

Nuovo nel forum!
  • No posts.
Nuovo dall'esperto
  • No posts.